Mozione per l’avvio del parco all’aeroporto

Premesso

  • che l’area del Campo di aviazione di Fano con la sua estensione pianeggiante di circa 160 ettari rappresenta una eccezione nel panorama costiero del medio Adriatico, visto che fino ad oggi  è sostanzialmente sfuggito alla intensa urbanizzazione che ha radicalmente mutato le caratteristiche ambientali del nostro territorio;
  • che essendo oramai inglobata nel tessuto urbano di Fano, riveste una grande importanza dal punto di vista sociale, naturalistico ed economico;
  • che facendo capo a soggetti diversi (Demanio, Comune e privati) non è soggetta ad una gestione unificata in grado di coordinare i vari utilizzi, evitando la coesistenza di funzioni presumibilmente in contrasto tra loro, come per esempio coltivazioni agricole e pista di atterraggio o aree di rispetto dei pozzi dell’acquedotto;
  • che conserva un grande valore ambientale, dal momento che questa vasta distesa pianeggiante ospita numerose specie botaniche, micologiche e faunistiche, in particolare uccelli migratori e nidificanti, alcuni dei quali rari;
  • nonostante le varie Amministrazioni comunali succedutesi a partire dal 1990 abbiano sempre confermato l’intenzione di realizzare il Parco del Campo di aviazione, a suo tempo promesso come “contestuale” alla realizzazione delle strutture aeroportuali, queste ultime sono state realizzate ma scarsissima attenzione è stata riservata al Parco nella cui area di pertinenza addirittura ancora permangono vecchi hangars, pista di rullaggio, cancelli di accesso alla pista di atterraggio lungo il lato nord della recinzione;

preso atto che

  • di fatto, nell’area si è nel tempo consolidata una duplice funzione: di tipo aeroportuale nella parte verso monte, dove coesistono attività di aeromodellismo, paracadutismo e volo, e di tipo sociale e ricreativo nella parte vicina al quartiere Vallato;
  • in questa parte prossima alla città le vigenti previsioni urbanistiche fanno temere strutture e funzioni in contrasto con il normale concetto di parco come luogo in cui i cittadini possano ritrovarsi per praticare attività del tempo libero a contatto con la natura;
  • associazioni e comitati locali, con l’autorizzazione del Demanio, soggetto competente, hanno iniziato a ripulire alcune aree abbandonate contigue al quartiere Vallato come primo passo dell’atteso Parco urbano;

ricordato che

  • nel 2009 l’Amministrazione comunale di Fano ha coinvolto la cittadinanza nella “progettazione partecipata” del Parco urbano del Campo di aviazione;
  • della suddetta progettazione partecipata non si ha più notizia, anche se si presume che a distanza di tre anni sia  stato portato a termine l’incarico affidato ad uno specialista della materia;
  • l’area interessata al Parco urbano è già frequentata dai cittadini fanesi per attività sportive e ricreative all’aperto e necessita pertanto di un minimo di controllo e manutenzione;

il Consiglio comunale di Fano

  • impegna la giunta a rendere pubblici i risultati della suddetta “progettazione partecipata” e ad avviare le necessarie procedure per realizzare quanto prima il Parco pubblico secondo le indicazioni di detta progettazione.

Fano, martedì 22 maggio 2012

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>