Interrogazione n. 95 – Oggetto: “Regole urbanistiche in centro storico”.

Oggetto: “Regole urbanistiche in centro storico”.

Il sottoscritto Luciano Benini, consigliere comunale di Bene Comune,

premesso

Ø      che il D.M. 1444/68 reca all’art.8 “Limiti di altezza degli edifici” norme in tema di altezze per le diverse zone territoriali omogenee, stabilendo per le zone A (centro storico) che per le operazioni di risanamento conservativo non è consentito superare le altezze degli edifici preesistenti, computate senza tener conto di soprastrutture o di sopraelevazioni aggiunte alle antiche strutture;

Ø      che quindi per le eventuali trasformazioni o nuove costruzioni che risultino ammissibili, l’altezza massima di ogni edificio non può superare l’altezza degli edifici circostanti di carattere storico – artistico;

Ø      che il Piano Particolareggiato del Centro Storico del Comune di Fano recepisce pienamente queste disposizioni normative urbanistiche di carattere nazionale, improntate alla finalità di conservare e tramandare nella loro integrità complessi urbanistici – architettonici;

Ø      che la tutela dei “centri storici”, come anche dei minori agglomerati storici, prescinde dal carattere eccelso dei medesimi in quanto più che il valore dei manufatti architettonici assume in essi rilievo la completezza dell’insieme e quindi l’assetto viario preesistente, le altezze, i caratteri figurativi degli edifici e le sapienti proporzioni di volumi e di altezze tra edifici religiosi, civili e di comune fruizione abitativa;

interroga il Sindaco per conoscere

Ø      se in questi ultimi anni siano stati approvati piani di recupero in variante del Piano particolareggiato del Centro Storico che abbiano consentito la sopraelevazione di edifici preesistenti;

Ø      in base a quale normativa o interpretazione estensiva di norme ciò sia potuto accadere, stante l’inderogabilità delle disposizioni urbanistiche nazionali;

Ø      se siano attualmente al vaglio dell’Amministrazione Comunale, e segnatamente dell’Ufficio Urbanistica, piani di recupero in variante al piano particolareggiato del centro storico che prevedono sopraelevazioni di edifici preesistenti e aumento delle volumetrie degli stessi;

Ø      in base a quali norme e/o a quali interpretazioni normative l’Amministrazione Comunale ritiene di poter consentire la sopraelevazione delle altezze di edifici preesistenti attraverso lo strumento dei piani di recupero in variante del Piano Particolareggiato del Centro Storico;

Ø      se l’Amministrazione Comunale non ritenga maggiormente opportuno ed adeguato all’obiettivo di tutela del centro storico cittadino il rispetto scrupoloso del Piano Particolareggiato del Centro Storico e del D.M. 1444/1968, evitando di incoraggiare il ricorso a piani di recupero in variante e/o ad altri strumenti urbanistici che consentono di aggirare ed eludere i limiti in tema di altezze e volumi degli edifici nel centro storico.

Fano, lunedì 26 agosto 2013

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>